Agorà Democratiche, la carta dei valori

PDCdP

Scopri le Agorà Democratiche consultando il sito internet dedicato

La Carta dei Valori

La possibilità di ricostruire l’Italia finalmente c’è. Ma per farlo serve uno sforzo di riflessione comune sulla direzione che vogliamo dare al Paese e sul rinnovamento e rafforzamento della nostra democrazia.

La ripartenza ci mette infatti davanti a un bivio. Dovremo scegliere tra il ritorno a un “passato” segnato da squilibri, ingiustizie, inefficienze, e la costruzione di un “dopo” dove accesso ai saperi e nuova solidarietà internazionale possono condurre a un sentiero di libertà, dignità, sicurezza.

Le Agorà Democratiche vogliono essere il luogo per immaginare e costruire questo “dopo”, per restituire a tutte e tutti il “diritto al futuro”. 

Vogliamo iniziare questo percorso insieme a tutte le persone che condividono l’obiettivo di espandere le libertà personali dentro società aperte e giuste, dove l’economia si ricongiunga alle relazioni umane e al rispetto della dignità di ciascuno.

Può quindi diventare cittadino delle Agorà chiunque:

  1. Sente propri i valori scolpiti nella Costituzione repubblicana e nella Carta europea dei diritti fondamentali. Democrazia e libertà sono conquiste che non possono essere date per scontate, per questo non è tollerabile la posizione di chi prende a modello regimi autoritari o autocratici.
  2. Riconosce l’esigenza di un nuovo modello di sviluppo, per dare a tutti la possibilità di vivere in un mondo sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Le battaglie per l’ambiente, per i diritti sociali, per la salute e per lo sviluppo dei territori devono essere collegate tra loro all’interno di un quadro comune, per superare lo scontro tra chi è preoccupato dalla fine del mondo e chi è preoccupato dalla fine del mese.
  3. Trova ingiustificate e immorali le distanze e le disuguaglianze della nostra società: tra ricchezza e miseria, tra le generazioni, tra i territori, tra chi un lavoro lo ha e chi ne è privo, tra chi può studiare e chi quella risorsa si vede negata; e, soprattutto, tra i generi, in una “guerra” mai conclusa per il controllo sul corpo e l’autonomia delle donne.
  4. Vuole vivere in una società che riconosce pari diritti e opportunità a tutte e tutti, proteggendo chiunque da ogni atto di discriminazione, odio o violenza. Mai e in nessun caso una persona dovrebbe sentirsi svantaggiata o minacciata a causa di orientamento sessuale e identità di genere, luogo di nascita, credo religioso, origini o stili di vita.
  5. Guarda con speranza a una più ampia e più forte cooperazione internazionale per affrontare le minacce globali, dal cambiamento climatico, all’impatto delle nuove tecnologie, passando per il contrasto ai paradisi fiscali. Nell’ultimo decennio, le prime risposte concrete a queste sfide non sono arrivate da nazionalismi e protezionismi, ma dagli accordi raggiunti a livello internazionale. È questa la strada che dobbiamo continuare a seguire, forti del nostro ancoraggio alla dimensione europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Simona Meloni interroga l'Assessore Morroni sulla manutenzione del canale Moiano e Anguillara

In occasione della XLVII Sessione Straordinaria dell’Assemblea legislativa della Regione dell’Umbria del 14 settembre 2021, la Vicepresidente Simona Meloni interviene con un’interrogazione all’Assessore Roberto Morroni sulle manutenzioni ordinarie e straordinarie del canale artificiale Moiano e Anguillara.