19 Giugno 1944, Città della Pieve è libera dal nazismo.

PDCdP 2

Il 19 giugno è una data importante per Città della Pieve, non solo per i festeggiamenti dei Santi Gervasio e Protasio, Patrono di Città della Pieve, ma soprattutto perché nel 1944 ha rappresentato un giorno di rottura rispetto al dominio ed all’occupazione nazista dai nostri territori.

Forte è il ricordo nel nostro Comune di quei giorni nei quali accanto ai soldati inglesi, nelle campagne ed in città il ruolo fondamentale venne giocato dai partigiani della resistenza. Giovani e meno giovani, sono stati tutti uniti ed animati da quel sentimento comune di liberazione, ragione per la quale il 19 giugno va pronunciato per glorificare chi è morto edificando l’autentica storia democratica.

Il Partito Democratico ha quindi il dovere di coltivare la memoria di quelle persone che hanno portato alla nascita di una Repubblica egualitaria.
Il senso di quella lotta fatta propria dai nostri padri contro l’oppressione dittatoriale, deve essere riprodotta ogni qual volta vengano messi in pericolo e in discussione i valori del sistema democratico per non dimenticare mai che la libertà è un principio irrinunciabile. Ricordare questo giorno significa restituire quei partigiani alla storia che è e deve essere la storia del Partito Democratico.

2 thoughts on “19 Giugno 1944, Città della Pieve è libera dal nazismo.

  1. D’accordo ricordare il 19 giugno xché nel 1944 ci siamo liberati dai nazisti, ma non è solo la storia del PCI ora PD, ma anche del PSI. Il mio babbo Ezio era nella brigata Pausillo ed era nel partito socialista italiano.

    1. Ricordiamo con onore tutti coloro che si sono battuti per la libertà. Grazie Gianclaudio per la tua doverosa precisazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Video dell'incontro con Anna Ascani

Marco Cannoni, Coordinatore del PD Comunale di Città della Pieve incontra il Viceministro dell’Istruzione On. Anna Ascani