Raccolta firme per una legge anti propaganda fascista

PDCdP

Anche l’Unione Comunale del Partito Democratico di Città della Pieve invita tutta la cittadinanza a firmare per la proposta di legge d’iniziativa popolare proposta da Anagrafe Nazionale AntifascistaNorme contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti“.

Chiunque propaganda i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. La pena è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici, è questo l’estratto della proposta di legge di iniziativa popolare avanzata dal sindaco di Stazzema Maurizio Verona.

In Italia, in questo momento storico, molti ancora inneggiano il fascismo ed il nazismo. Molti altri, con negazionismo e revisionismo, cercano di cambiare il vero volto della storia.
Con questa proposta di legge possiamo far capire che perseguire certe ideologie è un male per la nostra società presente e futura.

Raccolta firme a Città della Pieve

Per aderire è necessario firmare il modulo di proposta di legge fornendo i propri dati anagrafici. Possono firmare tutti gli iscritti alle liste elettorali del comune di Città della Pieve prendendo un appuntamento con l’ufficio anagrafe allo 0578.291234 dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle 12.00 e il martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle 17.00. La normativa prevede un minimo di 50mila firme che si vorrebbe raccogliere entro il termine del 31 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Giornata della Memoria

COMUNICATO STAMPAIl 28 maggio 2020 il Comune di Città della Pieve, su proposta del gruppo consiliare Città della Pieve in Comune, ha conferito la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, superstite dell’Olocausto e testimone della Shoa italiana.Nel suo libro, “La Memoria rende liberi” Liliana Segre scrive:“La risposta a quanto è accaduto […]