Scuole chiuse, emergenza sanitaria: Tesei naviga a vista

PDCdP

Una pagina buia della gestione dell’emergenza sanitaria. Dallo scaricabarile sui Sindaci alla mancata gestione dell’emergenza sanitaria, passando per la chiusura delle scuole e i ritardi sul piano vaccinazioni: la Giunta Tesei è un misto di arroganza e incapacità, chiusa a riccio e che comincia ad andare in pezzi nella dialettica tra i due principali partiti che la compongono. Dopo aver atteso per un paio di giorni insieme a decine di migliaia di alunni e studenti con le loro famiglie, assistendo ad uno scaricabarile istituzionale, la Giunta Tesei ha preso la decisione di chiudere le scuole, dall’oggi al domani, nei 31 comuni più a rischio della nostra regione, certificando una totale incapacità amministrativa.Viene ora spontaneo chiedersi come verrà giustificata la spesa milionaria per lo screening della popolazione scolastica senza alcuna decisione della Regione per limitare i contagi. Infatti fino a poche settimane fa molte Regioni avevano situazioni ben più critiche dell’Umbria e livelli di contagi molto più alti che nei nostri territori: come la Toscana che era ai limiti della zona rossa. Eppure, mettendo in campo numerose azioni per contenere i contagi e iniziative per far ripartire la scuola in sicurezza, ora è tornata addirittura in zona gialla. Dai trasporti agli screening fino all’assunzione degli steward per il controllo dei flussi nei bus. Nemmeno la Lombardia ha chiuso le scuole primarie quando si trovava in zona rossa.Il sistema sanitario regionale è sempre più in affanno: i pensionamenti non sono stati rimpiazzati e affrontiamo la seconda ondata con meno personale della prima, con un livello di stanchezza molto più elevato. I servizi non sono stati né riorganizzati né potenziati, mentre le liste d’attesa lievitano e tutte le altre patologie vengono trascurate. Stanno arrivando in Umbria 40 mila nuove dosi di vaccino anti-Covid, destinate agli ultra ottantenni, per portare così a termine la fase 1 del piano vaccinale. Purtroppo siamo tra le Regioni italiane messe peggio con il piano vaccinale, arenati nella prima parte della fase 1 e ferma alla vaccinazione degli operatori sanitari e degli ospiti delle RSA e RP.Mentre nelle altre regioni si è iniziato a somministrare il vaccino agli anziani, ad oggi, la Giunta Tesei non ha ancora fatto partire le prenotazioni né sono stati coinvolti o contattati i medici di base, protagonisti in questa fase, che non hanno ancora ricevuto istruzioni sulle procedure. Tanto meno sono stati riorganizzati i servizi, potenziato il personale e formati i team vaccinali per poter andare anche a casa di chi non può spostarsi.Occorre un totale cambio di passo per recuperare il tempo perso e non rimanere ulteriormente indietro sul piano vaccinale, anche in virtù del fatto che finché questa prima fase non sarà portata a termine non si potrà procedere con le successive che riguardano tutti. Qui si distingue chi ha capacità di governo e chi è buono solo per l’ordinaria amministrazione: la Giunta Tesei sta dimostrando tutti i suoi limiti, se ne sono accorti gli stessi alleati della Lega. Troppe assenze e mancanze, dove sono i tanti, troppi, super-consulenti? Bertolaso in primis? Intanto le terapie intensive rimangono sopra la soglia d’allarme, i reparti continuano da essere saturi e la sanità territoriale in tilt. Zero fatti, tanti danni. E a pagarne le conseguenze sono tutti i cittadini.In questo contesto si inserisce l’apertura della crisi politica ad opera del senatore di Fratelli d’Italia Franco Zaffini, che ha sottolineato con una nota sferzante e puntuale, tutte le criticità della gestione della pandemia, dove si evidenzia anche un ruolo eccessivo del capo di gabinetto. Criticità che noi avevamo evidenziato, trovando un muro come risposta, sulle quali il segretario regionale della Lega, l’onorevole Virginio Caparvi, ha glissato, preferendo una risposta al massimo del politichese. Un balletto indecente, sulla pelle degli umbri. Il cambio di passo dunque è ormai non più rinviabile e, quando arriverà, ci troverà pronti a fare la nostra parte, come abbiamo fatto fino ad ora.

(Gruppo PD Umbria Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni, Fabio Paparelli, Donatella Porzi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Città della Pieve, la storia che ha fatto la differenza

Abbiamo letto l’articolo su Città della Pieve, capitale del cambiamento, pubblicato sul Corriere Pievese e non neghiamo che un aspetto ci ha favorevolmente colpito.Il ricordare che la nostra è una città, piccola, ma pur sempre una città e non un ameno borgo, come molti, anche fra i nostri concittadini insistono […]